LA STORIA

Storia del B&B

Negli  anni 60’ i miei nonni materni, Rinaldo e Maria, costruirono questa casa accanto alla dimora storica della famiglia Angelini e iniziarono la loro vita .

Il terremoto Umbria-Marche del 97’ la distrusse e la mia famiglia con testardaggine e passione l’ ha ricostruita.

Nel 2015 si trasforma in un B&B con l’intenzione di offrire ai nostri ospiti la bellezza di questi luoghi incontaminati, ricchi di tradizioni e storia.

L’ eco-sostenibilità per noi è alla base della vita e l’idea dell’iscrizione al circuito Gluten Free (AIC: Associazione Italiana Celiachia) nasce da un’esperienza diretta e dal piacere della condivisione.

Storia del territorio

Mosciano è un piccolo paese sito nel comune di Nocera Umbra (PG), conosciuto per essere luogo nativo di San Felicissimo e situato in una posizione panoramica che ci permette di vedere l’intera valle di Nocera Umbra e tutte le sue caratteristiche frazioni, che di notte assomigliano a tanti piccoli e meravigliosi presepi.

Siamo  alle pendici del Monte Pennino (1571 m. s.l.m),uno dei monti più alti dell’intera catena appenninica, che prende il suo nome dal dio Pen, dio per eccellenza della cultura celtica(VI sec a.c).

Il monte domina gli Altopiani umbro-marchigiano o altopiani Plestini: Piano di ColleCroce, Piano di Annifo, Piano di Taverne/Colfiorito, Piano di Arvello, Piano di Ricciano, Piano di Popola-Cesi e Palude di Colfiorito( parco regionale e  area  d’importanza comunitaria:SIC) Essi sono denominati Plestini in quanto abitati dal V secolo a.C. dai Plestini, un’antica popolazione umbra che arrivò ad occupare un territorio di 120–130 km² .

Ampie zone pianeggianti ad alta quota,  presenza abbondante di acqua, natura rigogliosa e posizione centralissima, rendono la zona da sempre un luogo ideale per vivere ed un punto nodale della comunicazione tra la costa tirrenica e il versante Adriatico.

Le testimonianze umane in zona infatti partono dal II millennio a.c.(età del ferro), proseguono con le popolazioni subappenniniche, i castellieri e la popolazione italica degli umbri-plestini, continuano in modo rilevante con i Romani e la città di Plestia e perfino con i Cartaginesi,  con la presenza dei Longobardi  e di Ottone III (imp. Sacro impero romano) fino a passare dopo il sec XI d.c. agli importanti eremi francescani ed ai signori  “Monaldeschi “(Nocera), “Trinci “(Foligno) e “Varano” (Camerino).

La bellezza e la purezza di questi luoghi sono stati contemplati anche da San Francesco che nell’ultimo periodo della sua vita ebbe come ultima dimora un eremo sulle pendici del Monte Pennino, a pochi km dal nostro B&B.

Chi Siamo

Vincenzina e Ascenzio sono i miei genitori, io sono Stefano e mia sorella si chiama Benedetta. La mia compagna è Irene(spagnola) ed il ragazzo di mia sorella è Luca. In più c’è il nostro gatto Fernando e la nostra coniglia Perla ☺